24/05/2019 Alexander Damiano Ricci

Il futuro dell’Europa? In mano alla destra

Nel 2014, lo slogan delle istituzioni in occasione del voto europeo recitava: “This time is different” (“Questa volta è diverso”). Cinque anni dopo, si è optato per un messaggio più esplicito e un po’ meno apocalittico: “This time I am voting” (“Questa volta voto”). Paradossalmente, o, forse, logicamente e, soprattutto, con il senno di poi,…

24/05/2019 Ilaria Bonaccorsi

Abbiamo trovato un Paese che non si fida più. Sei domande a Beatrice Brignone e Pippo Civati

Fondatore e attuale segretaria di Possibile. Pippo Civati e Beatrice Brignone, canditati nelle circoscrizioni Centro e Nord ovest per la lista Europa Verde. Insieme per spiegarci perché hanno scelto di “confluire” nella grande Famiglia dei Verdi europei, cercando in qualche modo di saltare in alto e in corsa, nella speranza di agganciarsi ai grandi temi…

23/05/2019 Tiziana Barillà

Brexit? Rimanere e trasformare l’Ue. Quattro domande a Kate Hudson

Kate Hudson è un’accademica e un’attivista di estrema sinistra inglese. Attualmente è segretaria generale della Campagna per il Disarmo Nucleare (Campaign for Nuclear Disarmament) ed è la responsabile della Comunicazione di Left Unity, il partito di sinistra fondato dopo l’appello di Ken Loach del 2013 in cui il regista chiedeva la costruzione di un nuovo…

21/05/2019 Vittore Luccio

In Europa per costruire cittadinanza. Quattro domande a Nicola Fratoianni

Nicola Fratoianni è il segretario nazionale di Sinistra italiana, e ha cominciato a fare politica nel movimento studentesco. Nel suo percorso di formazione, oltre alla laurea in Filosofia, rimane centrale il rapporto con i movimenti. Da dirigente nazionale dell’organizzazione giovanile di Rifondazione comunista vive l’esperienza di Genova 2001 e la successiva stagione dei social forum….

21/05/2019 Anna Lodeserto

Europee 2019. Altro che #stavoltavoto, l’astensionismo è dietro l’angolo

“Stavolta vedrai che non voto…” è l’espressione più comune (seconda solo alle manifestazioni più variegate di disagio profondo a fronte della scelta delle preferenze nominative in caso di certezza nell’atto fisico del recarsi alle urne) captata dalle mie orecchie in queste ultime settimane a ridosso delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo in programma…

20/05/2019 Ilaria Bonaccorsi

Voglio portare in Europa un treno carico di protagonismo femminile. Quattro domande a Francesca Druetti

Francesca Druetti è un’operatrice culturale e si occupa di didattica museale. Si definisce femminista intersezionale e di recente ha scritto un libro contro l’orrido del Pillon insieme alla segretaria di Possibile, Beatrice Brignone (I nostri corpi come anticorpi, ed. People). È candidata con Europa verde nella circoscrizione Italia Nord occidentale, e mentre leggo la sua…

19/05/2019 Tiziana Barillà

Un “Social first” per l’Europa. Quattro domande a Heinz Bierbaum

Heinz Bierbaum, classe 1946, è sociologo ed economista, dal 1996 insegna Economia all’Università tecnica di Saarbrücken. Con la sua voce ascoltiamo la voce di Die Linke il partito della sinistra tedesca che oggi si trova in una posizione non troppo dissimile da quella italiana: stretta nella morsa tra la “balena” di governo costituita dal decennale…

18/05/2019 Gabriele Vilardi

Scegliamo un’ Europa libera: quattro domande a Daniela Poggio

«L’ Europa deve partire dalle speranze e bisogni delle persone» Daniela Poggio: manager, autrice ma soprattutto mamma di due bambini. E’ tra le 150 donne più digitali e innovative da seguire nel nostro Paese, le cosiddette “Unstoppable Women” secondo Startup Italia! e da oltre dieci anni guida la comunicazione di aziende multinazionali. Contraria al Ddl…

17/05/2019 Tiziana Barillà

In Europa vanno cambiate radicalmente le regole del gioco, a costo di uscirne. Quattro domande a Laurence Lyonnais

Figlia di agricoltori, cresciuta in una piccola comunità rurale di montagna al confine svizzero, Laurence Lyonnais si occupa proprio di sviluppo e valorizzazione delle aree naturali protette. Dopo aver militato nel movimento anti-globalizzazione di fine anni 90 e preso parte al movimento dei Gilet jaunes, oggi è candida in posizione eleggibile (11esima) de La France…

16/05/2019 Ilaria Bonaccorsi

È ora di lottare contro il mostro. E sai qual è la cosa bella? Siamo determinate.

Sentire dire, durante una conferenza stampa, che «occorre avere fiducia nella scienza, perché la scienza ha le risposte» di questi tempi è come immaginare un Pronto soccorso dove ti “soccorrono” senza prima dover morire per ore e ore. Chiara Bertogalli è una via di mezzo tra un ufo e una gentil dama dall’incarnato pallido e…

15/05/2019 Tiziana Barillà

Europa, spazio di prosperità condivisa. Quattro domande a Ernest Urtasun

Diplomatico ed economista, classe 1982, Ernest Urtasun è quel che si dice un “ecosocialista” nonché un convinto europeista, non a caso la sua firma è sul lavoro Cómo traté de hacerme sabio (traduzione in spagnolo del “Come ho tentato di divenire saggio” di Altiero Spinelli, Icaria 2019) insieme a Marcello Belotti e Pier Virgilio Dastoli. Ma…

14/05/2019 Gabriele Vilardi

L’Europa, senza paura: quattro domande a Paola Natalicchio

La storia di Paola Natalicchio è una di quelle che si possono riassumere in un due parole: riscatto e Meridione. Mamma di un bimbo di 8 anni Paola nasce e vive a Molfetta, città pugliese di poco meno di 60.000 abitanti del Sud Italia, che ha dato i natali a uno storico e politico come Gaetano…